Farmacie compatte contro la spending review: l'adesione alla serrata sul territorio nazionale è stata intorno al 93%. Per il Presidente di Federfarma, Annarosa Racca: "Questa elevata partecipazione allo sciopero dimostra chiaramente - afferma il presidente Annarosa Racca - che le farmacie non possono tollerare ulteriori insostenibili tagli, che riducono il servizio ai cittadini, e pagare per gli sprechi e le inefficienze di altri".


"Protestiamo contro il decreto della spending review che aumenta esponenzialmente il contributo dovuto dalle farmacie allo Stato per la vendita dei farmaci inclusi nel Sistema Sanitario Nazionale", denuncia la Racca, ricordando che "negli ultimi 10 anni l'aumento degli oneri delle farmacie e' stato stimato in 7 miliardi di euro".


In particolare, Federfarma sollecita il governo a metter mano alla cosiddetta riforma della remunerazione, ossia quel contratto che regola i rapporti tra farmacie e Stato scaduto nel 1998 e mai rinnovato.


E avverte: "Se le nostre ragioni non venissero ascoltate siamo già pronti ad altre forme clamorose di protesta".