Secondo quanto riferito dal Ministero della salute, Una donna di 60 anni, ha offerto il proprio rene (lo stent che salva l’organo trapiantato) in modo spontaneo e gratuito, salvando la vita a 4 persone, grazie ad una catena cross-over di trapianti (confermata l’efficacia di Belatacept). L’intervento è avvenuto il 5 luglio scorso in un centro della Lombardia.

Da quel momento in avanti è partita un’organizzazione complessa che ha riguardato 4 donatori (mamma dona rene al figlio di tre anni) (1 maschio e 3 femmine) e 4 pazienti (3 maschi e 1 femmina) che hanno subito l’intervento. Questa catena, durata 33 ore e mezzo, ha coinvolto 4 équipes e circa 55 persone tra medici, infermieri e rianimatori.

Inoltre, il trasporto degli organi è avvenuto in modo rapido grazie all’aiuto della Polizia Stradale che ha messo a disposizione, non solo il proprio personale, ma anche la Lamborghini Huracan. Sono stati percorsi in tutto circa 1.000 km, un processo seguito in diretta tramite il gruppo di Whatsapp creato dal CNT Operativo per un aggiornamento costante h24.
Funzioni del rene: La principale funzione renale, oltre che la rimozione dei prodotti di scarto, è soprattutto la regolazione omeostatica del contenuto di acqua e di ioni nel sangue, definita anche bilancio “idrosalino” o “idroelettrico”. I reni, infatti, mantengono le normali concentrazioni di acqua e ioni bilanciando l'apporto di tali sostanze con la loro escrezione nelle urine, secondo il principio di conservazione della massa.