Il test del sangue per prescrivere la pillola dei 5 giorni dopo è inutile, anzi è un vero errore. È la posizione ufficiale della Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (SIGO) che ha istituito un vero e proprio gruppo di lavoro (guidato dal presidente, prof. Nicola Surico e composto dai proff. Salvatore Dessole, Gian Benedetto Melis e Anna Maria Paoletti) per chiarire la posizione dei ginecologi italiani sul tema della contraccezione di emergenza. Il Consiglio Superiore di Sanità recentemente ha dato parere favorevole alla pillola dei 5 giorni dopo, chiedendo però che la prescrizione venga effettuata esclusivamente dopo un test di gravidanza ematico (Beta HCG).

“La pillola dei 5 giorni dopo è controindicata in gravidanza, che deve essere esclusa prima della somministrazione del farmacoafferma il prof. Surico -. Nel caso di donne che non sono ancora in amenorrea perché la mestruazione è avvenuta entro le 3-4 settimane precedenti, il dato anamnestico è sufficiente per definire l’assenza di gravidanza. Eseguire il dosaggio plasmatico del Beta HCG è una scelta impropria in prima istanza. Il ginecologo lo richiede, se lo ritiene necessario, solo in casi particolari, soprattutto se ha necessità di una valutazione quantitativa dell’ormone gravidico. La prescrizione di un dosaggio del Beta HCG plasmatico nel corso di un ciclo mestruale regolare è del tutto irrituale oltre che culturalmente inadeguata poiché la gravidanza è formalmente esclusa dall’assenza di amenorrea”. L’esecuzione di esami biochimici ematici per accertare la gravidanza nel periodo intermestruale di un ciclo regolare rappresenta, secondo i ginecologi della SIGO, un errore culturale imbarazzante. “Crea un conflitto con l’autonomia di diagnosi e cura propria del medico, con la tendenza sempre più stringente alla semplificazione delle procedure e alla riduzione dei costi – aggiunge il prof. Surico -. Tutto ciò senza aggiungere nulla alla precisione diagnostica garantita dall’anamnesi. Non si comprende perché venga consigliato un esame ematico, quando, nei casi dubbi, è sufficiente un test di gravidanza su urine”.

Le possibilità di fallimento sono sempre presenti con la contraccezione di emergenza, ma non devono imporre un diverso comportamento clinico. La pillola dei 5 giorni dopo non va confusa con l’interruzione volontaria di gravidanza. Anzi, è una misura anti-aborto. “Rappresenta un metodo che si oppone all’utilizzo estensivo di questa pratica – conclude il prof. Nicola Surico - perché previene la gravidanza anche in quei casi (ad esempio violenza sessuale o errori di programmazione) che sarebbero inesorabilmente destinati all’IVG. Quando in Italia si parla di controllo delle nascite, troppo spesso si creano conflitti etici che utilizzano la scienza in maniera distorta manipolandola”.

Ufficio stampa Intermedia
030.226105; 347-9186442
intermedia@intermedianews.it

La redazione di Farmacia.it non presta alcuna opera di lavoro redazionale sulla pubblicazione dei comunicati e declina ogni responsabilità per i contenuti in esso presenti; la redazione inoltre si riserva di cancellare comunicati stampa in contrasto con la propria linea editoriale