Milano  - Alla luce anche delle recenti segnalazione da oltremanica, l'ISPLAD (Società Internazionale di Dermatologia Plastica e Rigenerativa)  e l'ADOI (Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani), confermando quanto già da anni sostenuto, chiedono che venga vietato l'uso di "filler permanenti" contenenti acrilati e metacrilati, come già succede da anni per il silicone liquido iniettabile.
“I dermatologi italiani da molti anni, in numerosi convegni e attraverso i media, denunciano la pericolosità dei filler permanenti e dei metacrilati - dice Antonino Di Pietro, Presidente Fondatore dell'ISPLAD. Ogni giorno osserviamo visi deturpati da sostanze (usate per riempire le rughe) che non si possono più riassorbire. I metacrilati sono sostanze che la pelle e i tessuti non sono in grado di metabolizzare e smaltire per cui si comportano da corpi estranei dando luogo, nel tempo, a crisi di rigetto: il viso e le  labbra si gonfiano, si creano dei noduli pieni di pus, si ulcerano e possono lasciare cicatrici”. “Quasi sempre al danno fisico si associano grossi problemi psicologici - continua il Patrizio Sedona, membro del consiglio direttivo ADOI  - che compromettono seriamente la salute generale del paziente e non solo l'aspetto estetico".
 
Ufficio stampa
HealthCom Consulting
 
Maria D'Acquino
HealthCom Consulting Srl
Tel. +39 02 87399173 - 174
Mob. + 39 346 6435 192
Fax +39 02 87399610
Skype ID: hcc-milano
mail: maria.dacquino@hcc-milano.com
www.hcc-milano.com

La redazione di Farmacia.it non presta alcuna opera di lavoro redazionale sulla pubblicazione dei comunicati e declina ogni responsabilità per i contenuti in esso presenti; la redazione inoltre si riserva di cancellare comunicati stampa in contrasto con la propria linea editoriale