I VADEMECUM DELL´OSPEDALE SACCO (TERZA USCITA) Il dottor Rizzardini: Anche semplici cubetti di ghiaccio possono nascondere insidie, in passato affrontata una mini epidemia per l´acqua contaminata Il considerevole aumento del numero di viaggiatori internazionali (con frequenti spostamenti verso aree tropicali) e la rapiditá con cui ´ possibile muoversi da un Paese all´altro, hanno incrementato i rischi di diffusione di patologie che un tempo non troppo lontano venivano definite ´esotiche´. Qualche anno fa - racconta il direttore del dipartimento di Malattie infettive dell´Ospedale Sacco di Milano Giuliano Rizzardini - ci siamo occupati di una vera e propria epidemia di amebiasi e giardiasi che aveva colpito un folto gruppo di persone che rientravano da Pucket in Thailandia. Avevano contratto l´infezione e la malattia assumendo verdure fresche coperte da ghiaccio proveniente, con tutta probabilitá, da un serbatoio d´acqua contaminata. Viaggiare ´ un diritto, spesso una necessitá. » dunque bene prestare estrema attenzione a prevenire le insidie che potrebbero attentare alla salute del nostro organismo. Ecco allora 10 semplici per limitare i rischi dei viaggi verso mete lontane. 1 - VALUTARE I RISCHI SANITARI DI OGNI PAESE Sembra scontato, ma non tutti - in particolar modo i più giovani - ci dedicano la giusta attenzione: ´ necessario valutare con estrema attenzione i ´ rischi´ sanitari (dai più comuni ai meno conosciuti) del viaggio che ci si accinge ad affrontare. Cinetosi, jet lag, rischio trombotico, barotraumi, sono solo alcuni dei ´fastidi´ in cui si puó incorrere quando si decide di partire per l´estero e di cui spesso non ci si preoccupa. 2 - VACCINAZIONI: CI SONO ANCHE LE FACOLTATIVE Una particolare attenzione va posta alle vaccinazioni obbligatorie richieste dal Paese nel quale si vuole soggiornare. Attenzione, non esistono solo le vaccinazioni obbligatorie: ´ opportuno farsi consigliare dagli specialisti anche per quelle facoltative, soprattutto se si ´ portatori di patologie croniche e si stanno assumendo altri farmaci. In Sudafrica, per citare un Paese molto popolare quest´anno, non sono obbligatorie vaccinazioni per chi proviene dall´Europa, ´ peró consigliata la profilassi antimalarica, soprattutto per chi intende recarsi nelle zone dei Parchi, nel Transvaal orientale e settentrionale e nelle zone faunistiche del Kwalazulu‐Natal. 3 - MAI ´SCOPERTI´ DALLA COPERTURA SANITARIA La Tessera europea di assicurazione malattia, entrata in vigore in Italia nel novembre 2004, permette di usufruire dei servizi sanitari nell´ambito dell´Unione europea. Per gli altri Paesi ´ opportuno premunirsi di un´assicurazione sanitaria personale, eventualmente facendosi consigliare da un´agenzia viaggi di comprovata esperienza. 4 - SU CIBO E ACQUA NON SI SCHERZA L´Organizzazione mondiale della Sanitá ha indicato alcune regole per la prevenzione delle malattie trasmesse dagli alimenti. Si tratta di regole che dovrebbero essere dettate dal buon senso ma vale la pena ricordarle: curare l´igiene delle mani, assumere cibi ben cotti, conservare i cibi cotti in frigorifero, accertarsi che l´acqua utilizzata sia potabile e in caso di dubbio bere solo da bottiglie confezionate (per lo stesso motivo non utilizzare ghiaccio di cui non sia accertata la produzione con acqua potabile). 5 - PROTEGGERSI DALLE PUNTURE PERICOLOSE Le punture di insetti possono avere conseguenze serie. » consigliabile indossare abiti di colore chiaro, non utilizzare profumi, evitare se possibile di uscire al crepuscolo e all´alba, alloggiare in stanze con aria condizionata e, in mancanza, con zanzariere alle finestre; nelle situazioni più estreme utilizzare le zanzariere sopra il letto e utilizzare repellenti nelle parti scoperte. Per la prevenzione della malaria chiedere allo specialista la migliore chemioprofilassi per il Paese di destinazione. 6 - SESSO, L´INFORMAZIONE SALVA LA VITA Il rischio di contrarre una malattia trasmessa sessualmente tra i viaggiatori internazionali ´ sicuramente elevato sia per la maggiore prevalenza di queste malattie nei Paesi in via di sviluppo, sia per l´aumentata possibilitá di contatti sessuali occasionali e non protetti (tra le malattie più importanti che si possono contrarre sessualmente ricordiamo l´HIV/AIDS, l´epatite B, la sifilide e la gonorrea). Una corretta informazione e un puntuale counselling sono i più efficaci mezzi di prevenzione. 7 - FARMACI SEMPRE IN VALIGIA Ricordarsi di portare con sè sempre una quantitá adeguata ai giorni di permanenza all´estero dei farmaci di uso abituale. » poi fondamentale provvedere a mettere in valigia disinfettanti, bende e cerotti, antipiretici, antidolorifici, antistaminici topici e sistemici e antibiotici a largo spettro. Non dimenticare il termometro. 8 - PRUDENZA PER LE FUTURE MAMME La gravidanza di per sè non rappresenta una controindicazione a viaggiare (a meno che non sia prossimi alla data del parto!), ma ovviamente soltanto nel caso in cui non esistano complicazioni e la futura mamma non sia portatrice di particolari patologie. Si consideri peró che alcune vaccinazioni e/o chemioprofilassi sono sconsigliate in gravidanza (ancora una volta ´ necessario consultare il medico!). Le future mamme possono avere serie complicazioni in caso di malaria: i viaggi verso aree endemiche, se non necessari, sono sconsigliati. 9 - NON SOTTOVALUTARE SINTOMI INUSUALI Qualora al rientro dal viaggio si manifestassero sintomi inusuali contattare il medico di famiglia ed eventualmente recarsi presso un Centro di medicina dei viaggi o in un ospedale che ospiti un centro di malattie infettive. 10 - INTERNET, MANEGGIARE CON CURA Internet ´ uno strumento fondamentale che permette l´accesso a una massa enorme, ma talvolta non corretta, di informazioni. Prestare dunque massima attenzione alle notizie che circolano in Rete. Informazioni sicure sui luoghi di destinazione possono essere trovate, tra gli altri, sul sito del Ministero degli Affari Esteri (www.viaggiaresicuri.it); dell´Organizzazione mondiale della Sanitá (www.who.int) e dei Centers for Diseases Control and Prevention (www.cdc.gov). Per informazione stampa Gianmarco Gallizzi 3394256820 ‐ ufficio.stampa@hsacco.it La redazione di Farmacia.it non presta alcuna opera di lavoro redazionale sulla pubblicazione dei comunicati e declina ogni responsabilitá per i contenuti in esso presenti; la redazione inoltre si riserva di cancellare comunicati stampa in contrasto con la propria linea editoriale.