Esperti e Associazioni varie avevano già insinuato il sospetto che le caraffe per filtrare l’acqua non fossero aggeggi del tutto sicuri. Ma adesso a metterle al bando è direttamente il Ministero della Salute che in un provvedimento fa sapere che  non renderebbero l’acqua migliore, ma anzi la impoveriscono dei sali minerali come potassio e magnesio, importanti per l’organismo.
Non solo, se conservati in modo sbagliato i filtri potrebbero addirittura eliminare le caratteristiche di potabilità dell’acqua.

Das qui le norme più rigide su filtri e apparecchi simili. Il documento ministeriale, in primisobbliga i produttori di caraffe filtranti ad informare in modo corretto i consumatori dei rischi possibili, procedendo quindi ad un’informazione precisa e puntuale per “consentire scelte di acquisto consapevoli“.
Inoltre, si precisa che tutte le apparecchiature per il trattamento dell'acqua destinata al consumo dovranno rispondere a nuovi requisiti di sicurezza dei materiali ed essere accompagnati da dettagliate istruzioni d'uso.

Ma alcune società produttrici delle caraffe filtranti non ci stanno, sostenendo che il Consiglio Superiore di Sanità nell’estate 2011 ha dichiarato di non aver “rilevato nessun rischio per la salute.