Nasce su iniziativa dell'Associazione Italiana di Ematologia ed Oncologia Pediatrica (AIEOP) e dell'AIRTUM (Associazione Italiana dei Registri Tumori), il primo registro delle neoplasie infantili.
''Oggi - afferma Fulvio Porta, presidente dell'AIEOP - disponiamo di analisi di laboratorio che ci permettono di capire, quando la cura e' in corso, se la chemioterapia convenzionale funziona o se si deve ricorrere a un trapianto di cellule staminali. Grazie alle tecnologie molecolari, studiando frammenti del DNA delle cellule malate, - continua Porta - possiamo muoverci in anticipo, senza dover attendere, come un tempo, il risultato finale del trattamento”.
Ma nonostante i risultati raggiunti ancora non sono note le ragioni dell’incremento ogni anno dei casi di queste forme tumorali (+1,7 percento). Grazie al registro sarà possibile tracciare una mappa capace di fotografare l'evoluzione nel tempo delle neoplasie infantili nelle diverse regioni italiane.