Aids Hiv

Un uomo britannico di 44 anni affetto da 'HIV spera di diventare il primo al mondo ad essere guarito dalla malattia utilizzando una pionieristica nuova terapia progettata per eradicare il virus.
Il 44enne è il primo dei 50 pazienti sottoposti ad una terapia ambiziosa, progettata da scienziati e medici provenienti da cinque delle principali università della Gran Bretagna. Si tratta della prima terapia creata per rintracciare e distruggere l'HIV in ogni parte del corpo anche nelle cellule dormienti che eludono i trattamenti attuali. La sfida, quindi, è quella di andare a stanare il virus dalle riserve, i cosidetti "reservoir", dove il virus riesce a mantenersi in vita, ma "dormiente" e pronto a riattivarsi. La tecnica di attacco è quella di somministare la terapia standard (Antiretrovirale) che si occupa di riattivare il virus HIV "dormiente" unitamente ad un vaccino che induce il sistema immunitario ad eliminare definitivamente le cellule infette.
Trovare una cura definitiva per debellare l'AIDS è di importanza fondamentale, perché la terapia antiretrovirale, nonostante la sua diffusione in zone del mondo come l'Africa, dove ha salvato oltre 15 milioni di vite umane, nel lungo termine diventa di difficile sostenibilità dal momento che, in moltissimi casi non appena si interrompe la terapia, la malattia riguadagna posizioni.
Quindi su questo test si concentrano le attenzioni di malati e medici che hanno dichiarato che per essere sicuri che la terapia sia quella giusta sono necessari almeno cinque anni.