L’aspirina, come tutti i farmaci anti-infiammatori non steroidei, sarebbe una valida arma contro la diffusione di tumori. Lo afferma un gruppo di scienziati del Melbourne Peter MacCallum Cancer Centre, i quali hanno evidenziato che la scoperta aiuta a capire come i vasi linfatici svolgano un ruolo determinante nella trasmissione dei tumori in tutto il corpo e come proprio l'aspirina agirebbe nella riduzione della dilatazione dei vasi e quindi sulla diffusione dei tumori.


In realtà, da tempo i medici sospettavano che gli anti-infiammatori non-steroidei potessero aiutare a inibire la diffusione del cancro, ma finora non erano stati in grado di spiegarlo scienficamente. Attraverso lo studio delle cellule nei vasi linfatici, i ricercatori hanno scoperto i meccanismi base delle "linee di alimentazionedei tumori, illustrando come l'aspirina agisca per chiudere la dilatazione dei vasi.