I ricercatori italiani rivelano che il segreto della qualità dei super spaghetti è dovuta alla tecnologia di raffinazione della farina. Lo studio condotto da un gruppo di ricercatori delle universita’ italiane (di Bologna e del Molise) e del Research and Development of Functional Food Centre (CIDAF) dell’Universita’ di Granada, in Andalusia, pubblicato su Food Research International, ha ideato dei super spaghetti (ecco quella senza glutine) definiti come i più ricchi di fibre e antiossidanti. Questo nuovo prodotto è il frutto di una ricerca complessa che prevede l’utilizzo di una nuova tecnologia di raffinazione della farina (classificazione all’aria) che permette di utilizzare tutte le parti del frumento (celiaci salvi con il grano senza glutine).
“Queste frazioni hanno diverse caratteristiche chimiche a causa delle loro diverse proprietà - spiega la principale responsabile della ricerca, Ana Mari’a Go’mez Caravaca - e saranno utilizzate a seconda del prodotto finale che si vuole ottenere. Il nostro lavoro ha dimostrato che possiamo ottenere due frazioni da farina di orzo, di cui una è più ricca di composti antiossidanti e fibra solubile (specialmente beta-glucani), e l’altra contiene più proteine. Confrontando il prodotto finale ottenuto con quelli disponibili sul mercato – prosegue - i ricercatori hanno osservato che questi spaghetti erano particolarmente ricchi di beta glucani. La quantità di beta glucani presenti i questi spaghetti funzionali, soddisfano i requisiti della Food and Drug Administration (FDA) permettendo loro di essere etichettati come buona fonte di fibre e potrebbero ridurre il rischio di soffrire di malatte cardiovascolari (al primo posto tra le cause di morte). Questi prodotti – conclude - consentono di raggiungere, con una singola dose (un piatto di pasta), il 70% della dose quotidiana raccomandata dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) per i beta glucani”.

Le proprietà della pasta: La pasta può essere considerata un’ottima alleata della dieta. Essa, infatti, possiede un grande potere saziante e questo ci spinge a mangiare di meno. Naturalmente non bisogna esagerare nella quantità e nei condimenti. L’ideale è costituito da circa 80 grammi di pasta, con il pomodoro fresco, con le verdure e condita con pochissimo olio. Da un certo punto di vista questo cibo si può considerare un’ottima soluzione anche contro lo stress. Innanzi tutto questo è dovuto al suo gusto, che, essendo buono, riesce a mettere di buonumore. Inoltre la pasta contiene vitamine del gruppo B: soprattutto la B1 è fondamentale per il corretto funzionamento del sistema nervoso.