Come ogni anno, in occasione del gran caldo, il Ministero della Salute pubblica una guida per affrontare l’estate in maniera sicura, tra le iniziative  in particolare ci preme segnalare ai nostri lettori una risorsa molto utile:
 
La pagina è aggiornata quotidianamente dal Dipartimento di Epidemiologia del SSR Regione Lazio, con la collaborazione dell'ARPA Emilia-Romagna e dell'ARPA Piemonte ed è attivo fino al 15 settembre 2016.
Inoltre il Ministero ha pubblicato una guida per aiutare le future mamme e quelle con bambini. Quindi pochi e semplici consigli per un’estate in salute per la futura mamma ed il suo bambino. 
La guida è stata pubblicata dal Ministero della Salute  in collaborazione  con il Dipartimento di Epidemiologia del Servizio Sanitario Regionale Regione Lazio  nell’ambito del Progetto CCM “Sistema Operativo Nazionale per la Prevenzione degli Effetti del Caldo sulla Salute”.
 
In estate il caldo può rappresentare un rischio per la donna in gravidanza. Se aspetti un bambino è importante sapere quali precauzioni puoi adottare per difendere la tua salute e quella del tuo bambino. 
 
IL TUO CORPO STA CAMBIANDO
 
In gravidanza, il corpo della donna va incontro ad una serie di cambiamenti fisiologici: l’aumento del volume del sangue materno per un adeguato flusso sanguigno alla placenta, richiede una sufficiente idratazione. Il caldo può essere causa di disidratazione, con la perdita, attraverso la sudorazione, di liquidi e sali minerali, preziosi per l’equilibrio materno-fetale.
Quali sono i sintomi della disidratazione?
  • sete intensa
  • crampi muscolari, soprattutto di notte
  • debolezza
  • vertigini
  • palpitazioni
  • ansia
  • pelle e mucose asciutte
  • abbassamento della pressione arteriosa 

Cosa fare?

  • Reintegra i liquidi persi bevendo acqua in abbondanza o altre bevande.
  • Se i tuoi sintomi non migliorano, contatta il tuo ginecologo di fiducia.
 
IL GRANDE CALDO È PERICOLOSO PER ME E PER IL MIO BAMBINO? 
 
Alcuni recenti studi suggeriscono che durante le ondate di calore è più elevato il rischio di nascite premature, in quanto il caldo può aumentare il livello di alcuni ormoni che inducono le contrazioni ed il parto. Le donne che soffrono di malattie croniche o quelle che hanno patologie della gravidanza, come la pressione alta o il diabete in gravidanza, possono essere più a rischio di parto prematuro. Nelle grandi città, quando fa molto caldo ed aumentano i livelli di inquinamento dell’aria, il rischio di parto prematuro può essere ancora più elevato.
 
CONSIGLI UTILI PER VIVERE L'ESTATE SERENAMENTE E SENZA RISCHI
  • Bevi almeno 2 litri di acqua al giorno e segui le indicazioni del tuo medico curante per evitare il rischio di disidratazione.
  • Limita il consumo di bevande gassate o zuccherate, l’assunzione di tè e caffè. Evita bevande molto fredde e bevande alcoliche.
  • Cura l’alimentazione, fai pasti leggeri, ricchi di acqua (frutta e verdura fresca).
  • Fai attenzione alla corretta preparazione e conservazione dei cibi.

Durante le ondate di calore

  • Migliora il microclima della tua abitazione oscurando le finestre dove batte il sole con tende, persiane, veneziane o altri accorgimenti.
  • Chiudi le finestre durante il giorno (specialmente quando batte il sole), aprendole durante le ore più fresche della giornata.
  • Trascorri le ore più calde nella stanza più fresca della casa.
  • Se possiedi un condizionatore, regola la temperatura tra i 24 e i 26 gradi;
  • Evita l’uso contemporaneo di elettrodomestici che producono calore e consumano energia.
  • Se sei accaldata, fai bagni e docce con acqua tiepida, bagna viso e braccia con acqua fresca.
  • Indossa indumenti leggeri. 
All’aperto 
  • Evita di uscire nelle ore più calde della giornata e di passeggiare lungo strade trafficate, dove i livelli di inquinamento sono più elevati.
  • Proteggi la pelle del viso con creme solari ad alto fattore protettivo. 
Se parti in vacanza 
  • Programma i viaggi informandoti sulle previsioni del rischio ondate di calore nel luogo di destinazione. 
Se vai al mare
 
Puoi prendere il sole ma con alcune precauzioni; è consigliabile esporsi solo nelle ore meno calde del giorno (la mattina presto o il tardo pomeriggio), utilizza sempre creme protettive per evitare scottature e la comparsa di macchie scure sulla pelle (più frequenti in gravidanza a causa delle modificazioni ormonali). Fai passeggiate a piedi nudi sul bagnasciuga per favorire la circolazione sanguigna. 
 
Se il tuo bambino nasce in estate 
Ricordati che i lattanti e i bambini piccoli si adattano meno facilmente dell’adulto alle elevate temperature: se il tuo bambino nasce in estate proteggilo dal caldo e dal sole. I danni causati dai raggi solari sono particolarmente pericolosi per i lattanti e i bambini piccoli. È bene sapere che, anche sotto l’ombrellone, non si è protetti dal caldo, né dai raggi solari. 
Durante un’ondata di calore è consigliabile controllare regolarmente la temperatura corporea del tuo bambino e, se necessario, rinfrescare delicatamente il suo corpo con una doccia tiepida o con panni umidi. 
 
IL TUO CONTRIBUTO PER CONTRASTARE I CAMBIAMENTI CLIMATICI 
Anche tu puoi contribuire a ridurre le emissioni di gas serra, nelle tue azioni quotidiane, ad esempio evitando gli sprechi energetici in casa, scegliendo mezzi di trasporto ecosostenibili (mezzi pubblici, bicicletta, a piedi), mangiando meno cibi trasformati dall’industria. 
 
LA MIA CASA PUÒ PROTEGGERMI DAL CALDO?
Puoi ristrutturare la tua casa usufruendo delle detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione energetica, rendendo così la tua casa più eco-sostenibile, risparmiando sui costi della bolletta e migliorando l’isolamento termico, sia in estate che in inverno. Consulta il sito
 
Per saperne di più
Per essere informata sul rischio associato alle ondate di calore consulta il sito del Ministero della Salute