A chi non è capitato di recarsi a fare le analisi cliniche con tanto di impegnativa e sentirsi dire dall’incaricato che il costo sarebbe stato inferiore del ticket. Dai dati emersi da uno studio di Assotutela la sanità pubblica segna dei passi falsi che in questi momenti di crisi incidono parecchio sui bilanci familiari. Infatti emocromo, colesterolo, transaminasi, bilirubina, glucosio, ferro, analisi delle urine, ecografie costano di più rivolgendosi in ospedale come utenti del Servizio sanitario nazionale e meno nella stessa struttura, con gli stessi specialisti e le stesse strumentazioni, presentandosi come pazienti paganti in proprio. E il costo si abbatte ancora di più se ci si rivolge alle strutture private.

Come evidenzia la nota di Assotutela Lazio è “tutta colpa della tassa statale di 10 euro per ogni impegnativa del Servizio sanitario nazionale che, per legge, può contenere fino a un massimo di 8 indagini diagnostiche della stessa specialità oppure 8 esami di laboratorio. Per i test ematologici, i più comuni e diffusi, si fa presto a moltiplicare le spese. Un esame urine effettuato senza ricetta "può” arrivare al massimo di 5 euro, eseguito da un privato il costo arriva a 7 euro, se eseguito invece nelle strutture pubbliche della nostra Regione, con ricetta rossa, si arriva a 15,14 euro, grazie ai 10 euro della manovra e ai 4 euro stabiliti per legge regionale". 
 
Secondo Michel Emi Maritato la contraddizione emerge in maniera più evidente “se ci si presenta alle analisi in tre 'status' diversi: come utente pubblico, pagante in proprio o privato. Pur richiedendo i medesimi esami ambulatoriali è proprio la tassa di 10 euro che contribuisce al “sorpasso della convenienza” del privato sul pubblico. Ecografie delle parti molli, ecografie mammarie, ecografie muscolo-tendinee, ecografie ostetriche, ecografie transvaginali, ecografie alle anche per neonati costano intorno ai 50 euro ciascuna, scegliendo il medico e senza attese se erogate in libera professione in una struttura privata o intramoenia. Con la ricetta in qualsiasi centro pubblico o privato convenzionato il costo per le stesse è di circa 40 euro, pochi euro di differenza ma il chiaro svantaggio di fare la lista d'attesa. È conveniente la sanià pubblica? Affatto, almeno ad oggi”.