Gli esperti fanno sapere che è un modo semplice per ingerire vitamine e antiossidanti. Mentre in America sono tantissime le celebrità americane che hanno scelto la cosiddetta dieta del crudo. E sono nomi come Miley Cyrus, Alicia Silverstone, Woody Harrelson, Demi Moore, Robin Williamso Bryan Adams. Infatti sono tutti seguaci dell’ultima frontiera del vegan, il Raw. E infatti come le migliaia e migliaia di vegetariani in tutto il mondo hanno deciso di nutrirsi soltanto di frutta e verdura cruda come elementi fondamentali, convinti – e non senza ragionedi esseri convertiti al più sano dei regimi alimentari. A dare loro manforte le ultime ricerche, pronte a confermare che per stare in forma e tenere lontani malattie ed invecchiamento precoce sia fondamentale limitare al massimo i prodotti di origine animale e i cibi cotti in generale.

Meglio infatti fare grosse scorpacciate di vitamine, sali minerali e antiossidanti, che si trovano in quantità massiccia soltanto nei prodotti vegetali al naturale, e rigorosamente biologici, esprimono al massimo i loro benefici. Ma i precetti della dieta raw vanno ben oltre il regime alimentare. Infatti, come per altri sistema vegan, è un vero e proprio stile di vita che combina ragioni etiche, salutistiche ed ambientali accanto a frullati, spremute e centrifugati. Non a caso sono in molti a rivendicare quella che i media hanno ribattezzato la dieta del giardino.

Infatti siamo di fronte a un fenomeno quasi di massa, come dimostrano il proliferare di libri e blog pieni di consigli di medici, il boom di nutrizionisti e naturopati che si sono specializzati proprio per aiutare i propri pazienti al passaggio di dieta in piena sicurezza. Eppoi si moltiplicano i ristoranti e i locali alla moda, dove sorseggiare frullati di cachi e banane, spaghetti crudi, insalate di avocado e frutta secca o dissetanti bevande al latte di cocco o di canapa. Al riguardo i maggiori terapeuti fanno notare che gli allevamenti degli animali per l’industria alimentare costituiscono una delle principali cause dell’inquinamento globale, provocando desertificazione e imponente consumo d’acqua. E sostengono che nutrirsi soltanto di verdure garantisce di attutire i danni causati da una dieta iperproteica, spesso alla base di diabete, problemi cardiovascolari se non di tumori