CHE COS'E'

Il cancro alla prostata è un tumore maligno che colpisce la prostata (ghiandola dell'apparato genitale maschile). Il cancro alla prostata può colpire gli uomini dai 50 anni in poi. Chi non ha disturbi e non ha casi di malati in famiglia può sottoporsi all'esame di controllo medico a partire dai 50 anni. Chi invece ha avuto in famiglia uno o più casi di tumori alla prostata all'età di 40 anni deve fare un prelievo di sangue,per l'esame del PSA (marcatore tumorale che evidenzia il cancro della prostata).

COME SI MANIFESTA

I Sintomi del cancro alla prostata possono essere: difficoltà alla minzione (emissione di urina),aumento della frequenza della minzione (soprattutto notturna),minzione dolorosa,presenza di sangue nelle urine. Ricordare che,nella maggior parte dei casi,l'ingrossamento della prostata è di natura benigna e non mette in pericolo la vita. Le metastasi del cancro della prostata sono molto precoci e possono avvenire per vicinanza,per via linfatica e per via sanguigna. La diffusione per vicinanza presuppone uno sviluppo del tumore e un successivo interessamento degli organi confinanti con la prostata. Possono essere interessati l'uretra,i dotti eiaculatori,il collo della vescica,il trigono vescicale e lo sbocco degli ureteri. La via sanguigna di diffusione può determinare l'interessamento dello scheletro,ossia la colonna lombo-sacrale,il bacino,lo sterno,il cranio. Frequenti sono anche le localizzazioni di metastasi ai polmoni e al fegato. I sintomi locali possono essere: difficoltà ad urinare,pollachiuria (stimoli frequenti alla minzione),diminuzione del getto urinario,sensazione dolorosa che si irradia lungo il pene,presenza di sangue mescolato alle urine.

CONSIGLI ALIMENTARI

Mangiare abbondanti dosi di frutta e verdura,poiché le vitamine A e D in esse contenute proteggono la prostata. Limitarsi nei grassi animali. Si consiglia visita oncologica.